Conoscenza di sè

Si può davvero cambiare?

Si può davvero cambiare?

Comincio questo articolo con una constatazione personale: caspita che dispiacere perdere, per un’incoscienza informatica, un articolo scritto di getto e con orgoglio del risultato! Accidenti.

L’articolo in questione parlava di allattamento in un’ottica psicologica; quando mi tornerà l’estro, lo riscriverò.

Però sono contenta della mia reazione: tempo fa mi sarei crogiolata nel vittimismo e nell’autoflagellazione, adesso invece no.

Certo, mi dispiace un sacco comunque, ma metto la deludente esperienza al computer nel bagaglio delle conoscenze… riferite al detto: prima ci sbatto il naso e poi imparo.

Alla faccia della mia – solitamente decantata – lungimiranza!

 

Eh eh… nella vita secondo me non si smette mai di imparare e il bello è che imparare è sinonimo di trasformarsi. Da cui: si può sempre cambiare. Chi è d’accordo e chi no?

 

Tante volte sento le persone chiedersi, soprattutto nella vita di coppia:

“Ma lui/lei cambierà mai?”

“Capirà che questo atteggiamento non va bene? Arriverà il giorno che cambierà?”

Fino alla fatidica domanda:

“Si può davvero cambiare?”

 

Secondo me si. E anche secondo le più recenti ricerche: la psicoterapia modella le associazioni tra le cellule neuronali. Quindi vuol dire che il cervello si trasforma!!

Ergo: noi possiamo cambiare.

Però ci vogliono alcune condizioni (alcune delle quali possono anche nascere man mano…): scelta, motivazione, costanza, impegno, capacità di affidarsi e fidarsi di sé e di chi accompagna, che deve essere preparato e costantemente aggiornato.

 

Secondo me c’è ancora tanta diffidenza, soggezione, paura, svalutazione del lavoro psicologico, ma al contempo ce n’è così tanto bisogno per stare bene… lo psicoterapeuta non è “quello che cura i matti”, ma colui che aiuta le persone (soprattutto quelle “normali”!) a conoscersi a fondo, a superare un problema scoprendo le proprie risorse, per valutarle, esprimerle e potenziarle… a capire che cosa blocca o fa male in una determinata situazione, che magari pare non aver nessun legame col proprio passato e invece, dentro di sé, suscita un’eco vecchia e lontana, ma ancora viva e bisognosa di ascolto…

Aver cura della propria anima fa sì che di conseguenza si abbia cura di quella del prossimo… e che cosa c’è di meglio in una società?

Il mio è un lavoro bellissimo, che merita di essere conosciuto!

872 Views

Comments (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

genitori-e-figli

Estivill o non Estivill, questo è (ancora) il problema?

Caro Estivill, questa è una lettera aperta, senza pretese o presunzione, da parte di una mamma che però u...

Footprints in the sand on beach near San José del Cabo, Mexico at sunrise

Si può davvero cambiare?

Comincio questo articolo con una constatazione personale: caspita che dispiacere perdere, per un’incoscie...

UN-CAVALLO-NEL-CIELO

Il potere dei simboli

Ci sono due ragioni principali per utilizzare i simboli. Anzitutto, essi possono causare una profonda trasf...

sculacciate.600

Gli sculaccioni insegnano?

Stavolta parto direttamente dalla risposta: SI. Certo che insegnano. Ma la domanda successiva, più importa...

haring

Fatica di ascoltare, necessità di cambiare ;)

Fatica. Fatica di ascoltarsi. Fatica di ascoltare gli altri. Di mettersi nei panni degli altri. Di vedersi ...