Essere genitori

Estivill o non Estivill, questo è (ancora) il problema?

Estivill o non Estivill, questo è (ancora) il problema?

Caro Estivill, questa è una lettera aperta, senza pretese o presunzione, da parte di una mamma che però un pochino se ne intende.. certo, da un punto di vista diverso dal tuo, e amante comunque del confronto e della critica.

Vorrei dirti quello che penso.

Per quanto mi riguarda, la mia esperienza di mamma ha dato un senso alla mia esperienza formativa; e così, anche la mia esperienza formativa sento che dà più frutto.
Ora so che essere mamma e psicologa a volte aiuta; a volte semplifica; a volte lascia nel dubbio; e… eheh, sicuramente complica.
Perchè dietro le scelte che riguardano la tua creatura – scelte tue e scelte degli altri, a volte anche le più piccole – ogni tanto tendi a intravedere l’effetto (più o meno probabile) che avranno sull’adulto di domani, su quello che sarà, su quello che contribuirà ad alimentare o a spegnere… e questo a volte lo vivi, con tanto affetto, anche verso i bimbi che incontri.
Sai che parte della passione, delle regole, dello stile educativo continueranno a vivere dentro di loro, anche quando saranno grandi e anche quando, già da un pezzo, avranno intrapreso la loro strada.
Si sceglie ciò che si ritiene migliore per i propri figli; il costo di una scelta, però, a volte non si vede nell’immediato e a volte si insinua in profondità così remote da sembrare inesistenti.

Per i figli si diventa immortali: “pezzettini di mamma” e “pezzettini di papà” risuoneranno sempre in loro.
Che magia (o che condanna), e quanta responsabilità sulle nostre spalle di genitori!!

E in questo senso, Estivill, tu che cosa fai? dici ai genitori di tapparsi le orecchie? Da immagine-simbolo l’hai proprio fatta diventare istruzione: “Mamme, papà: non ascoltate il pianto notturno del bambino, così si abituerà ad addormentarsi da solo; forse sarà dura all’inizio, ma presto vivrete tutti felici e contenti e non dovrete più fare quella fatica.”
Estivill a mamma-psicologa: 1 a 0.

E se invece si potesse dire…
“Mamme, papà: potete ascoltare il pianto del vostro bambino e rispondere, che sia di giorno o di notte, per qualsiasi motivo, e in questo modo aiutate a distinguere i bisogni. Offritevi come conforto, confine e rassicurazione, per aiutarlo a sapere che ci siete; forse sarà dura in certi momenti, ma sarete coerenti nell’insegnargli che ai momenti brutti c’è una fine, o che dopo il pianto si può ritrovare il sorriso (soprattutto se poi ci si addormenta). Dentro di lui rimarranno queste cose, in un posticino segreto… e anche lui o lei, quando sarà papà o mamma, sarà in grado di contenere il dolore di suo figlio e aiutarlo a ritrovarsi nelle braccia di qualcuno che lo ama.”
Mamma-psicologa a Estivill: …che dite?

1531 Views

Comments (2)

  • Sibilla Valenzano says:

    Bellissimo articolo!!!!Condivido ASSOLUTAMENTE!!!!

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    09013af3d2dbc1dcd1893175ec34fb67

    Check-up interiore!

    Che difficile a volte vivere… Quando ti senti in bilico, quando ti svegli con l’umore giù, qua...

    fasce3

    Sul portare i bimbi…

    Portare addosso è istintivo. Portiamo a contatto con noi le cose più preziose, per non farle scappare, pe...

    intelligenza_emotiva_1

    Una delle prime responsabilità di un genitore è….

    Fare un figlio è una responsabilità. Quante volte abbiamo sentito questa frase!   Forse la prima cos...

    shutterstock_55272601

    Nei primi tre anni c’è tutto

    Nei primi tre anni di vita si articola una complessità psicologica davvero sorprendente, in grado di insed...

    sculacciate.600

    Gli sculaccioni insegnano?

    Stavolta parto direttamente dalla risposta: SI. Certo che insegnano. Ma la domanda successiva, più importa...