Conoscenza di sè

Check-up interiore!

Check-up interiore!

Che difficile a volte vivere…

Quando ti senti in bilico, quando ti svegli con l’umore giù, quando non sai che direzione dare alla tua vita e devi fare una scelta… che cosa fare per stare meglio? che cosa fare per scegliere il da farsi?

La prima cosa è guardare alle cose belle che abbiamo: affetti, traguardi, soddisfazioni, capacità, doti (e se uno non vedesse niente di tutto questo, è ora di lavorare sull’autostima!). Questo intanto aiuta a ridimensionare ciò che stiamo vivendo e a compararlo con ciò che abbiamo di più importante e significativo.

La seconda cosa è capire perchè stiamo percorrendo o vogliamo percorrere la strada che abbiamo in mente, cioè la nostra motivazione, la nostra esperienza personale, il nostro vissuto.

Che cosa ci spinge verso quella cosa? che cosa ci fa alzare la mattina e ci dà la carica per affrotare la giornata? che cosa valutiamo di essere in grado di fare meglio di qualunque altra cosa e rispetto alle altre persone?

La terza cosa: sentire su chi possiamo contare e capire se possiamo chiedere aiuto (concreto, morale… tutto può servire!).

Questo check-up andrebbe fatto regolarmente – quando ne sentiamo il bisogno – e ci permette di fotografare la nostra situazione, di stabilirne i punti forti e quelli deboli… e magari di farci sorprendere dall’apporto di qualcuno che ci sta vicino. Ognuno, se vuole, ha sempre un’altra chance con se stesso!!!

1476 Views

Comments (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cuorepersonale

Autostima: autocelebrazione? autocommiserazione? PsicoAtelier!

Dentro la parola autostima ci sono tanti significati. Il primo, il più comune, quello che si trova su Wiki...

UN-CAVALLO-NEL-CIELO

Il potere dei simboli

Ci sono due ragioni principali per utilizzare i simboli. Anzitutto, essi possono causare una profonda trasf...

genitori-e-figli

Estivill o non Estivill, questo è (ancora) il problema?

Caro Estivill, questa è una lettera aperta, senza pretese o presunzione, da parte di una mamma che però u...

1359991934_REVERIE

La rêverie materna

Questa parola è magica, perché anche nella forma scritta richiama l’accudimento, con quell’accento &#...

haring

Fatica di ascoltare, necessità di cambiare ;)

Fatica. Fatica di ascoltarsi. Fatica di ascoltare gli altri. Di mettersi nei panni degli altri. Di vedersi ...